Dimissioni! Dimissioni! Dimissioni! Le mie.

1 aprile, 2011 at 1:45 pm Lascia un commento

Sì, pur non avendo cucine a Montecarlo o nipoti di Mubarack nel letto, ho deciso di dimettermi dal consiglio comunale.

Queste belle giornate di sole mi hanno fatto pensare che infondo non ne vale la pena.

Convincere le persone a migliorare il mondo partendo dal migliorare la realtà più vicina non è possibile.

Fusione? Studi di fattibilità? Economia di Scala?

Non serve a niente, siam perfetti e non abbiamo bisogno di una consulenza economica professionale pagata dalla regione, noi siamo bravi così, perché chiedersi se si può fare di più?

…dovremo andarci a sbattere la testa.

Dovremo accorgerci che tra 20 anni:

– il sindaco di Marano potrà decidere meno del suo territorio che non il presidente della bocciofila, ma la “maranesità” sarà salva

– che il sindaco di Castelvetro dovrà lottizzare tutte le vigne per tenere aperta la mensa, ma la “castelvetresità” sarà salva.

– le Ciliegie di Vignola si saranno estinte deifnitivamente per far spazio al tipico mattone rosso vignolese e la festa della fioritura rinominata in festa dell’intonacatura,

– a Spilamberto rivenderemo la rocca a metà prezzo a Rangoni con in omaggio il Torrione,

– Guiglia costruirà un grattacielo al posto della torre per far largo a nuove case,

– Zocca per non essere da meno ne costruirà uno più alto con in cima una mega tigella rotante con tanto di raggio laser per fulminare chiunque abbia nel sangue meno del 95% di padanità,

– a Castelnuovo per avere un po più di introiti tasseranno i maiali che si ribelleranno e costruiranno una fattoria tutta loro (ma questa è un’altra storia).

– la Polizia municipale di Savignano non avrà più soldi nemmeno per fare l’alcol test al sabato sera! Ooops è già così, ma ha forse un prezzo la “savignanesità”? Diciamo che tra vent’anni il poliziotto farà i giorni pari i controlli e dispari l’operatore ecologico (non è già così vero?)

…dovremo andarci a sbattere la testa?

Andrete, io sarò emigrato come tanti miei coetanei.

Sì è meglio che in politica ci stia chi non ha sogni, chi non vede un orizzonte.

A vent’anni c’è qualcosa di meglio da fare che non elemosinare il voto di chi non è più capace di desiderare.

Per chi è di:

Levizzano

San Vito

Brodano

Tavernelle

Prato Mavore

Campiglio

Formica

Garofano

Mulino

Magazzino

Solignano

Villa Bianca

Festà

Denzano

Ospitaletto

Doccia

Savignano alto

Casona

Montecorone

Roccamalatina

Rocchetta

Samone

Ciano

Missano

Montalbano

Montecorone

Monteorsello

Monteombraro

Montetorto

Rosola

Zocchetta

Non vi ho citato, ma vi ho nel cuore, in tuti questi anni senza esigere una struttura comunale solo per voi siete state da esempio, avrei voluto tanto darvi più autonomia (e responsabilità), ma pazienza son nato troppo presto.

Adieu mon chèr!

Vado a farmi un giro in bici in questo bel primo d’aprile! :)

PS

sì, era un pesce d’aprile, il mattone rosso vignolese si chiamerà morettino, non rosso.

Scherzi a parte si continua, con passione, insieme:  firma anche tu la petizione “Oltre il Ponte”

About these ads

Entry filed under: Comune Unico - Fusione. Tags: , , .

Spilamberto Open Source Lettera aperta a Consiglieri e Cittadini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Trackback this post  |  Subscribe to the comments via RSS Feed


Seguimi su Twitter

Spilumstyle

Spilumphotos

#aggiornamentoneve oggi nel pomeriggio è tornata la luce anche alle ultime famiglie. Non mi voglio prendere meriti che non mi appartengono, il comune non gestisce la linea elettrica quindi per il ritorno al 2015 non ringraziate me, ma quegli operai che dopo aver camminato in mezzo a più di un metro di neve fresca hanno risollevato tralicci nei boschi in appennino e lavorato costantemente giorno e notte anche in pianura. Per noi. Quello che ho cercato di fare con l'#aggiornamentoneve è stato condividere tutte le informazioni che avevo ed essere il più possibile utile a chi era in difficoltà. Già da oggi abbiamo iniziato a conteggiare danni e chiarire responsabilità su quanto successo agli edifici pubblici. Intanto grazie a chi si è rimboccato le maniche. Un pensiero ai miei colleghi sindaci ancora in alto mare, a voi un grande abbraccio. Forza! 
PS. Un grande grazie al nostro caro angelo Gelmuz. #aggiornamentoneve e luce fu anche alla Baranzona, i singoli interventi rimanenti sono programmati per domani. Forza, è (quasi) fatta. Oggi insieme al vicesindaco Salvatore sono andato a trovare buona parte dei nostri concittadini che purtroppo ancora vivono questo disagio. Certo abbiamo trovato rabbia e frustrazione, ma ancor di più spirito di comunità, solidarietà tra vicini e tanta grinta. Un grande grazie alla Protezione Civile, Simone, Patrizia e tutta la squadra e grazie anche a quegli operai che giorno e notte stanno lavorando per noi riparando agli errori di altri. Cari spilambertesi i lavori continuano e staremo sul pezzo fino all'ultimo numero civico. Buona notte! #aggiornamentoneve si conclude la seconda giornata. Tante, non tutte, le utenze riattivate. I tecnici lavoreranno notte e giorno per tornare alla normalità. Le strade sono percorribili però attenti al ghiaccio (i mezzi spargisale sono in azione da oggi pomeriggio). A Spilamberto e San Vito le cose si stanno mettendo meglio. Non per tutti però e mi dispiace. Oltre che a chi ancora ha difficoltà qui penso agli amministratori vicini ancora in difficoltà: Daniele e Federica in quel di Valsamoggia, Fabio, Monica e Giorgia in quel di Castelvetro e i tanti altri. So bene che state dando il massimo e auguro anche a voi di poter a brevissimo provare la gioia che ho provato io nel vedersi accendere un edificio. Mai come oggi la Rinascita mi è sembrata così bella. Grazie a tutti per la pazienza, la collaborazione e lo spirito di adattamento. Grazie a chi ha preso in mano il badile prima che una tastiera e ai tecnici. Grazie a Giacomo che da Camposanto ci ha pensato e incoraggiato dandoci un pieno di energia di quella potente di chi ancor molto, ma molto di più di me sa cosa vuol dire tener botta. Grazie! Buona notte cara Spilamberto! E così termina questa lunga giornata. Qui una foto di com'è iniziata. Innanzitutto un pensiero ai nostri compaesani di San Vito, mi spiace molto per la tribolazione che stanno vivendo, ma sulla linea elettrica il comune può tanto quanto sulla linea telefonica..cerchiamo di sopperire con informazioni puntuali, se ci sono news vi dico. Poi grazie agli insegnanti che sono riusciti a venire a scuola e hanno svolto un servizio importantissimo per chi è dovuto, come loro e tanti altri, andare a lavorare.
Grazie a tutti i cittadini che hanno portato pazienza, hanno compreso la situazione e preso un badile in mano collaborando e pulendo il loro pezzo di marciapiede. Infine grazie mille a Giuseppe Neil, Patrizia, Gianni, Gianni, Giuliano, la squadra esterna che lavora da più di 24h e tutti gli uffici per il buon lavoro svolto. Potevamo fare di meglio forse, come sempre, ma vi posso garantire che sto andando a letto cotto e sicuro di aver fatto del mio meglio. Buonanotte Spilamberto! Recapiti e info su www.comune.spilamberto.mo.it

PS. sì fra le varie è venuto giù il tendone del tennis, nei prossimi giorni faremo le perizie del caso, intanto dico grazie al cielo, alla fortuna o chi per essi per il fatto che non ci sia stato nessuno sotto. "Non possiamo scegliere in che tempo vivere, possiamo solo scegliere cosa fare col tempo che ci viene concesso". Ieri ci siamo svegliati in un'Emilia Romagna che fatichiamo a riconoscere. Poche ore dopo in giunta abbiamo approvato la Carta di Avviso Pubblico, oggi con Emilia Muratori l'abbiamo proposta a tutti i sindaci dell'Unione Terre di Castelli e ai consigli comunali. Questa sera grazie al circolo Gramsci all'iniziativa "Cosa Nostra a Casa Nostra". Occhi aperti non possiamo voltar la testa dall'altra parte: coraggio.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.